Un figlio val bene un cavallo (di Enzo Biagi)

di Enzo Biagi

Alla dottrina ci parlavano di Giuseppe, personaggio della Bibbia, ceduto dai fratelli ad alcuni mercanti di passaggio per 20 monete d’argento. Mi è tornata alla mente questa storia a proposito di Robertino, il piccolo calabrese di due anni dato per scomparso e poi fortunatamente ritrovato, ma nella polizia e nei carabinieri è sempre più forte l’ipotesi che il bambino forse era destinato alla vendita.
Il sociologo Antonio Marziale tempo fa segnalò “Crotone come rinomata piazza di prostituzione minorile”, mentre secondo il magistrato Tricoli “in questa zona la famiglia è un optional” e i figli “sono forza lavoro da vendere e su cui investire. Non è un caso che nel crotonese gli orfanotrofi siano pieni di orfani con genitori viventi, ai quali i ragazzi sono stati sottratti”.
Scrive Costantino Muscau: “Un figlio rende: val bene un vitello, un cavallo, una casa. O un appezzamento di terreno coltivato”. C’è un’Italia di cui non sappiamo nulla.

(L’Espresso, aprile 2004 – 5 aprile, san Vincenzo Ferreri)

,