Pedofilia, sgominata rete su Darknet con 400mila iscritti.

L’Anticrimine tedesco ha portato alla luce, in collaborazione con altri organi inquirenti stranieri, una rete internazionale di materiale pedopornografico su Darknet intitolata “Boystown”, esistente dal giugno 2019 e conta circa 400 mila adepti. 

La rete sgominata consentiva agli adepti la condivisione di materiale pedopornografico, con scambio di immagini e video dai contenuti che gli inquirenti hanno definito “inquietanti”, compresi “gravi abusi sessuali su bambini piccoli”.

Tre uomini di età compresa fra i 40 e i 64 anni sono stati arrestati in Germania, mentre un altro uomo è stato arrestato in Paraguay su richiesta delle autorità tedesche. Quest’ultimo ha cittadinanza tedesca, si trova nella regione di Concepcion e verrà estradato in Germania sulla base di un mandato di cattura internazionale emesso dalle autorità di Francoforte.

“Pazzesco – dichiara il sociologo Antonio Marziale, presidente dell’Osservatorio sui Diritti dei Minori – ma chi lavora ogni giorno non si stupisce davanti ai numeri. Siamo al cospetto di un crimine contro l’umanità debole e indifesa, nel silenzio più assordante delle istituzioni che potrebbero e dovrebbero intervenire con decisione e, quel che è peggio, circondati da una società che mette la testa sotto la sabbia spesso e volentieri, al pari degli struzzi”