Il disturbatore tv Gabriele Paolini condannato per pedofilia dalla Cassazione

É divenuta definitiva la condanna a 5 anni di reclusione per il disturbatore televisivo Gabriele Paolini. La Cassazione ha confermato la sentenza emessa nel settembre scorso dalla Corte d’Appello di Roma nei confronti dell’uomo accusato di induzione alla prostituzione minorile, produzione di materiale pedopornografico e tentata violenza sessuale su minori.

“Il mio avvocato mi ha informato della decisione dei supremi giudici – ha scritto Paolini sui social network – sono disperato. Vorrei non fosse finita così. Nelle prossime ore mi andrò a costituire all’Autorità di polizia”.

I fatti contestati a Paolini risalgono al 2013, quando aveva intrecciato una relazione con un ragazzo di 17 anni. In particolare gli inquirenti lo hanno accusato di avere indotto alcuni minorenni ad avere rapporti sessuali con lui in cambio di denaro e regali vari. Per queste vicende il noto disturbatore tv era stato anche tratto in arresto.