Alla corte inglese preoccupati più per un nipote dalla pelle scura che per un figlio accusato di sesso con minorenni

Harry, figlio di Carlo e Diana d’Inghilterra, ha deliberatamente rinunciato, insieme alla consorte Meghan, ad essere “membri attivi della famiglia reale”.

Hanno deciso di rilasciare un’intervista di due ore ad Oprha Winfrey, per la CBS, che è stata trasmessa ieri sera, in cui hanno svelato retroscena della loro esperienza a corte, degni di una insulsa sceneggiatura tragicomica.

Meghan, tra le altre cose, ha evidenziato: “Nei mesi in cui ero incinta del mio primo bambino ci dissero che non gli sarebbe spettato nessun titolo né garantita sicurezza. Lamentandosi con Harry: non sappiamo quanto sarà scura la sua pelle”.

Mentre continua a fare parte della famiglia reale, anche se ritirandosi da impegni pubblici, il principe Andrea, coinvolto nel caso del miliardario Jeffrey Epstein, morto suicida in carcere, per avere intrattenuto rapporti sessuali a pagamento con minorenni.

Andrea è il secondogenito della regina Elisabetta e del principe Filippo e nei suoi confronti, dopo l’esplosione dello scandalo, non è mai stata avviata alcuna indagine a Buckingam Palace, mentre sulla testa di Meghan pende una indagine per bullismo a corte.

Related Posts