Ciambra: realtà più cruda del film di Jonas Carpignano al Festival di Cannes

I riflettori del Festival di Cannes sul film di Jonas Carpignano dedicato ai bambini della Ciambra di Gioia Tauro giungono nel momento storico in cui le istituzioni, mai come oggi, hanno concentrato la loro attenzione sul quartiere simbolo del più autentico degrado urbano e sociale, grazie al determinato e sensibile intervento del Prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari, dopo la denuncia del Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria, Antonio Marziale, convintamente e continuamente sostenuto nella sua azione dal quotidiano Gazzetta del Sud.

“Se il qualificato pubblico di Cannes è stato emotivamente coinvolto dalla proiezione del film, si immagini quale sentimenti di pietà e rabbia può aver suscitato il sopralluogo delle istituzioni sul luogo, nel vedere stuoli di bambini disinvoltamente scorrazzare tra tonnellate di rifiuti e detriti, come fossero giostre di Disneyland – spiega Marziale – e dormire in case letteralmente invase da magma fognario. Una realtà, che difficilmente la macchina da presa può catturare nella sua più intima miseria”.

Nei giorni scorsi, il Prefetto ha convocato una riunione allo scopo di individuare iniziative urgenti volte alla risoluzione delle più impellenti problematiche di carattere igienico sanitario, cui ha partecipato, tra gli altri, il Dirigente della Protezione Civile Regionale, Carlo Tansi: “Che ho sentito telefonicamente – afferma il Garante – e che ringrazio perché nelle sue parole ho nitidamente avvertito una determinazione totale a fronteggiare le difficoltà che la sfida comporta e che il massimo rappresentante del Governo sul territorio, Michele di Bari, ha detto di voler vincere a tutti i costi, in nome e per conto di quei bambini che hanno il sacrosanto diritto di conoscere lo Stato nei suoi servizi più elementari, ed è proprio questo il punto – incalza Marziale – i bambini e i loro diritti ad essere integrati ad una civiltà che non gli è estranea, perché sono cittadini di Gioia Tauro, cittadini d’Italia e d’Europa”.

“Ma, nel corso dell’ultimo anno – evidenzia il Garante – una sfida è stata più o meno vinta, perché mai come la stagione scolastica in corso la dispersione scolastica è stata contenuta, frutto di un’intesa raggiunta da me raggiunta con l’amministrazione comunale in carica nel luglio 2016, che ha provveduto ad inviare un pulmino con assistenti sociali a bordo per registrare le assenze e le presenze. Un servizio interrottosi per pochi giorni in quanto non era stato saldato il premio assicurativo del mezzo, che ho provveduto a coprire con i fondi del mio Ufficio. Dai dati forniti dalle autorità scolastiche al comandante della Polizia Municipale, Angelo D’Ascola, risultano infatti due bambini interessati al fenomeno della dispersione su una popolazione scolastica di 62 minorenni. Soltanto la scuola può permettere ai bambini di fronteggiare anche la cultura degli adulti di riferimento, certamente non avulsi da responsabilità e che poco hanno fatto per risollevarsi dalla situazione”.

“Laddove ci sono bambini – conclude Marziale – si ha il dovere di non sfuggire alle proprie responsabilità. L’avere ratificato la Dichiarazione ONU sui Diritti del Fanciullo impone al nostro Paese una presa di coscienza scevra da giustificazionismi di sorta, quelli da cui è rifuggito mirabilmente il Prefetto di Bari. Lontano dal voler fare inutili e sterili polemiche, ma mai si era visto un Prefetto girare alla Ciambra, mai un Questore, come Raffaele Grassi, mai un Garante, sintomo di una congiuntura storica che vede uomini impegnati in ruoli diversi e uniti nel comune intento di tramutare i diritti dei Minori in azioni concrete e non lasciarli come inchiostro prigioniero della carta”.   ​