Caianiello: Giudici troppo teneri

ROMA – «Quei giudici sono stati troppo teneri con Erika e Omar. Potevano infliggere loro una pena maggiore». Chi sferra la forte critica ai giudici torinesi è Vincenzo Caianiello, presidente emerito della Consulta, e “padre” della sentenza con la quale la Corte Costituzionale ha dichiarato l’ incostituzionalità dell’ ergastolo per i minori. «Non mi pento di aver stilato quella sentenza – dice Caianiello – ma noi, pur avendo cancellato l’ ergastolo, non avevamo detto che a chi si macchia di orribili delitti debbano essere fatti degli sconti eccessivi di pena». «Vedo già entrata in funzione la “macchina psicologica” dei perdonisti e buonisti che imputa alla società ogni colpa», commenta invece Gustavo Selva (An), presidente della commissione esteri della Camera, mentre sullo sfondo si agitano le polemiche per lo “Speciale tg” di Mentana dedicato, ieri sera, ai due ragazzi di Novi Ligure. «Il padre di Erika deve avere la libertà di accendere la televisione senza che un coltello gli giri nella piaga», sostiene Antonio Marziale, presidente dell’ Osservatorio sui diritti dei minori. «Ho telefonato a Mentana – spiega il presidente – perchè volevo che rinunciasse alla trasmissione, ma lui cortesemente ha replicato che non poteva venir meno al diritto all’ informazione».

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2001/12/16/caianiello-giudici-troppo-teneri.html?ref=search